SEMPRE PIÙ LAUREATI TRA LE FILA DEI DISOCCUPATI Stampa
L'Istat ha registrato nel primo trimestre di quest'anno un'impennata del 41,4% dei senza lavoro con titolo di studio universitario, che passano dai 215.000 del 2011 a 304.000. Un aumento percentuale così alto non si registrava dal 2004: per i diplomati la disoccupazione cresce del 30,2%, del 26% per chi ha solo la licenza elementare. I disoccupati laureati sono soprattutto donne (61%), meridionali (42,8%), e giovani (il 66% ha meno di 35 anni). I dottori abbondano anche tra le file degli inattivi (coloro che né hanno un posto né lo cercano): sono 1,4 milioni. Le prospettive generali per il mercato del lavoro non sono certo di un miglioramento: secondo l'analisi del Centro studi di Confindustria, il 2012 sarà un anno stagnante, peggiore dei due precedenti che sono stati comunque negativi.
(Fonte: r. am., La Repubblica 12-08-2012)