Home
UN NUOVO MINISTERO PER L’UNIVERSITÀ E LA RICERCA SCIENTIFICA PDF Stampa E-mail

Occorre aver presente alcuni degli effetti che la scelta fatta dal presidente Conte (la nomina del presidente della Conferenza dei rettori italiani prof. Gaetano Manfredi a ministro dell'Università e della Ricerca scientifica) ha già prodotto e si tratta, quel che più conta, di effetti duraturi. Mi riferisco all'istituzione di un nuovo specifico ministero per l'Università e la Ricerca scientifica e non certo per la creazione di una poltrona ministeriale in più. Il nuovo assetto istituzionale restituisce infatti centralità e protagonismo a un comparto, quello dell'Università e della Ricerca, decisivo per lo sviluppo del Paese e per la formazione delle sue classi dirigenti. Tale specifica funzione di un ministero per l'Università è stata finora posta in ombra dall'enorme mole di problemi di assetto, sindacali. economico sociali, del mondo della pubblica istruzione che, peraltro, non potrà non giovarsi dell'esistenza di un dicastero interamente ad esso dedicato. Una fruttuosa sinergia tra i Ministeri sarà comunque necessaria su alcuni temi trasversali, primo tra tutti quello davvero cruciale per il Sistema Paese della formazione degli insegnanti. (L. d'Alessandro, Il Mattino 30.01.20)