Home
LAUREATI E DIPLOMATI ITALIANI ALL’ESTERO PDF Stampa E-mail

Dal 2006 al 2018 sono aumentati del 64,7% i nostri concittadini che hanno preso la residenza in un altro Paese. La maggioranza di loro sono giovani o giovani adulti: ha tra i 18 e i 34 anni il 37% dei trasferiti nel 2017, ultimo anno per cui ci sono i dati (elaborati dalla Fondazione Migrantes sulla base dell'Anagrafe dei residenti all'estero), mentre un altro 25% ha tra i 35 e i 49 anni. Sono rispettivamente 48 mila e 32 mila persone in soli 12 mesi (l'equivalente degli abitanti di Lecco e Vibo Valentia). Dati comunque sottostimati: il Ministero degli Esteri calcola che solo nel distretto di Londra, dove sono registrati 320 mila italiani, ce ne siano in realtà 700 mila. «Abbiamo cresciuto ormai due generazioni che grazie alla loro formazione hanno un'identità europea» spiega la ricercatrice Delfina Licata che ha curato il Rapporto 2018 Italiani nel mondo per Migrantes. Basti pensare al progetto Erasmus: nel 1987 vi avevano partecipato 3.244 universitari da 11 Paesi, nel 2017 41 mila solo tra gli italiani. «Solo il 30% di chi va via è laureato, il 34,6% ha la licenza media, un altro 34,8% il diploma». (Fonte: E. Tebano, CorSera 24-01-19)