Home

Informazioni Universitarie

NUOVO ESAME DI STATO PER L’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI MEDICO-CHIRURGO. TEMPI DI ATTUAZIONE PDF Stampa E-mail

Il Decreto 'Regolamento recante gli esami di Stato di abilitazione all'esercizio della professione di medico-chirurgo' prevede che il tirocinio pratico-valutativo avrà una durata complessiva di tre mesi e dovrà essere espletato durante il corso di studio, non prima del quinto anno di corso ed a condizione che siano stati sostenuti positivamente tutti gli esami fondamentali relativi ai primi quattro anni di corso previsti dall'ordinamento della sede dell'Università; esso sarà organizzato secondo quanto stabilito dagli ordinamenti e dai regolamenti didattici di ciascuna sede. Di conseguenza, gli studenti iscritti nell'anno accademico 2018/19 al sesto anno dovranno necessariamente usufruire dei 2 anni di proroga previsti dalla norma transitoria. Inoltre, per tutti i CLM in Medicina e Chirurgia saranno necessari tempi tecnici per adeguare l'ordinamento vigente, inserendo negli ultimi 2 anni di corso i 15 CFU professionalizzanti (ex art. 10, comma 5, lettera d del DM 22 ottobre 2004, no.270) dedicati all'esame di abilitazione professionale. Tale adeguamento dovrà inoltre essere coordinato dalla Conferenza Permanente dei Presidenti dei Corsi di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia allo scopo di garantire la omogeneità dello svolgimento e la valutazione del tirocinio pratico-valutativo in tutte le sedi. Pertanto, sebbene il decreto preveda l'entrata in vigore nell'anno 2019, la prima tornata del nuovo esame di stato potrà svolgersi solo dopo la prima sessione di lauree dell'anno accademico 2019/2020 e cioè nel luglio 2020. (Fonte: S. Basili, www.quotidianosanita.it 14-05-18)