Home

Informazioni Universitarie

INVESTIMENTI IN EDUCAZIONE SUPERIORE E IN R&S NELLA COMUNITÀ EUROPEA PDF Stampa E-mail

Nella Comunità europea si possono distinguere quattro aree: teutonica (la Germania e i Paesi dell'Europa settentrionale), anglo-francese (Francia e Gran Bretagna), mediterranea (Italia, Spagna, Portogallo, Grecia), orientale (la Polonia e i paesi ex comunisti entrati nell'Unione). La quantità d'investimenti nell'educazione superiore è molto diversa tra i diversi Paesi: nell'area teutonica, dove ancora regge la competitività nel mondo globalizzato, si spendono 635 dollari per abitante, contro i 489 dell'area anglo-francese, i 340 dell'area mediterranea e i 202 dell'area orientale. Nell'Europa settentrionale si spende dunque il doppio per l'università rispetto ai paesi mediterranei e il 30% in più rispetto all'area anglo-francese. L'area teutonica, inoltre, investe in R&S 162 miliardi di dollari l'anno, una cifra superiore del 53% a quella dell'area anglo-francese e addirittura del 245% a quella dell'area mediterranea. L'investimento in ricerca nell'area teutonica è, in media, pari al 2,8% del PIL (come gli Stati Uniti), mentre si scende al 2,0% nell'area anglo-francese e all'1,2% nell'area mediterranea. Nell'area teutonica gli investimenti in ricerca scientifica e sviluppo tecnologico sono dunque di oltre il 130% superiori a quelli dell'Italia o della Spagna.
Inoltre nell'area teutonica vi sono otto ricercatori ogni 1000 abitanti, il doppio di quelli dei Paesi mediterranei. Data questa disparità nell'investimento e nel numero di ricercatori, non sorprende che la quantità di articoli pubblicati nel 2012 dagli scienziati dell'area teutonica (2530 per milione di abitanti) superi del 55% il numero di articoli prodotti nell'area mediterranea (1635) e del 18% quelli prodotti nell'area anglo-francese. E neppure dovrebbe sorprendere che i Paesi teutonici esportino beni e servizi ad alta tecnologia per un valore che nel 2012 è stato di 337 miliardi di dollari: pari al 5,8% del PIL, contro il 2,6% del PIL dell'area anglo-francese (190 miliardi) e l'1,0% del PIL dell'area mediterranea (37 miliardi). Anche per la capacità d'innovazione troviamo una situazione analoga: nell'area teutonica in un anno si producono 254 brevetti per milione di abitanti, cioè 2,4 volte più che nell'area anglo-francese e addirittura 5,4 volte più che nell'area mediterranea. (Fonte: F. Sylos Labini, Roars 06-12-17)