Home

Informazioni Universitarie

IL PAPA ATTIVA LA RETE UNIVERSITARIA CATTOLICA SUI PROBLEMI DELL’EMIGRAZIONE PDF Stampa E-mail

«Bisogna avviare studi sulle cause remote delle migrazioni forzate, con il proposito di individuare soluzioni praticabili, anche se a lungo termine, perché occorre dapprima assicurare alle persone il diritto a non essere costrette ad emigrare». È il mandato concreto che Papa Francesco ha assegnato alle università cattoliche per approfondire le radici del fenomeno ed individuare percorsi capaci di limitare l'ondata xenofoba che si sta abbattendo in Europa. «E' importante riflettere sulle reazioni negative di principio, a volte anche discriminatorie e xenofobe, che l'accoglienza dei migranti sta suscitando in Paesi di antica tradizione cristiana, per proporre itinerari di formazione delle coscienze». Ricerca accademica, insegnamento e promozione sociale è quello che il Vaticano spera di attivare nella rete universitaria attraverso programmi specifici «volti a favorire l'istruzione dei rifugiati, a vari livelli, sia attraverso l'offerta di corsi anche a distanza per coloro che vivono nei campi e nei centri di raccolta, sia attraverso l'assegnazione di borse di studio che permettano la loro ricollocazione». (Fonte: F. Giansoldati, Il Messaggero 05-11-17)