Home
IL TAR DEL LAZIO E IL NUMERO CHIUSO PDF Stampa E-mail

Il Tar del Lazio, in fondo, si è uniformato a un antico andazzo. L'Università di Milano vuole il numero chiuso per garantire la qualità dell'insegnamento? E perché mai dovremmo preoccuparci di una cosa simile? Poi c'è, naturalmente, il paravento della legge. Che però deve essere interpretata. I sistemi giuridici sufficientemente flessibili da essere al servizio degli umani (a differenza di quelli che mettono gli umani al proprio servizio) tengono conto degli stati di necessità. Per rispettare quel rapporto studenti/docenti che è necessario per garantire la qualità dell'insegnamento, l'Università di Milano ha optato per il numero chiuso. Ma poiché la qualità dell'insegnamento non ha alcun valore agli occhi di tanti, lo stato di necessità non è stato riconosciuto e accettato. Resta però la curiosità di sapere qualcosa su questi giudici del Tar del Lazio, da molti anni impegnati, come ricordava ieri Aldo Grasso sul CorSera, a dire «no» a tanti provvedimenti positivi. A differenza di ciò che capita nel caso di altre istituzioni, dal Parlamento alla Corte costituzionale, abbiamo idee vaghe sui criteri di reclutamento e sulla composizione. Tenuto conto dell'importanza assunta dalle loro decisioni, ciò meriterebbe più attenzione. (Fonte: A. Panebianco, CorSera 04-09-17)