Home

Informazioni Universitarie

VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELLA RICERCA (VQR). DUBBI SULLE SPESE PDF Stampa E-mail

La principale attività condotta dall'Anvur è la Valutazione della Qualità della Ricerca (Vqr) di cui si è da poco conclusa la seconda edizione riferita al periodo 2011-2014. La Vqr consiste nel valutare l'intero staff di ricerca del Paese con dati quantitativi o chiedendo il parere a esperti. Siamo, con la Gran Bretagna, l'unico Paese a realizzare uno sforzo del genere, e a utilizzarlo per distribuire risorse. Quanto costa la Vqr? Secondo alcune stime il primo esercizio è costato tra 150 e 300 milioni di euro, circa quanto l'analogo esercizio britannico. Molti hanno dato per scontato che si tratti di soldi ben spesi perché servono a distribuire in modo "meritocratico" il "finanziamento premiale" alle università. Se si guarda alla realtà dietro i complessi algoritmi di Anvur e Miur, si scopre che in realtà nel 2016 solo il 7,4% dei 783 milioni premiali è stato distribuito sulla base della qualità della ricerca. Questo significa che su base annua sono stati spesi 30 milioni di euro per distribuire 58 milioni di euro. Un po' come se un pasticcere vendesse a un cliente una torta a 58€ e chiedesse poi di essere pagato 30€ per affettarla in modo preciso. Quei 30€ sarebbero soldi spesi bene? Sia permesso di dubitarne.
Alcuni argomentano che i soldi della valutazione sono comunque spesi bene perché permettono di scovare i professori fannulloni, quelli che nel periodo considerato hanno pubblicato poco o nulla. Nel primo esercizio di valutazione furono individuati 1.287 professori che non avevano pubblicato nulla e altri 2.207 che avevano pubblicato poco, su un totale di 44.153 professori. Questo significa che scovare un fannullone totale o parziale è costato tra gli 82mila e i 136mila euro. È opportuno ricordare ai lettori che questa informazione sarebbe stata disponibile per ciascun rettore di ciascuna università italiana ben prima della valutazione e a costo zero: bastava interrogare le banche dati di ateneo. Soldi ben spesi? (Fonte: A. Baccini, IlSole24Ore 23-08-17)