Home
BORSE DI STUDIO. AZZERARE LE SPEREQUAZIONI TERRITORIALI PDF Stampa E-mail

I dati comunicati dagli enti per il diritto allo studio fotografano ancora una volta un'Italia spaccata in due. Se da un lato, le Regioni che garantiscono la borsa di studio a tutti gli idonei e mantengono i requisiti di reddito al massimo possibile sono sensibilmente aumentate negli anni, dall'altro, i dati di moltissime Regioni rimangono drammatici. A Napoli e Salerno gli idonei che hanno ottenuto la prima rata della borsa di studio sono solo il 55%, con una soglia Isee per l’accesso ai benefici ancora ferma a 15.900 euro, in Calabria il 67% e in Sicilia l’80%. Anche in Veneto e Puglia la situazione rimane difficile, in entrambe le regioni più di 1500 studenti stanno ancora aspettando la prima rata della borsa di studio. Per azzerare le sperequazioni territoriali è innanzitutto necessario innalzare le soglie Isee in tutte le Regioni fino a 23mila euro e l’Ispe a 50mila, cioè fino alle soglie massime, appena confermate anche per il prossimo anno accademico. Inoltre, è urgente rivedere il riparto del Fondo Integrativo Statale come previsto dalla legge di stabilità 2017, garantendone l'erogazione entro il 30 settembre. Come indicato dal Consiglio nazionale degli studenti universitari, bisogna passare da un sistema imperniato sulla spesa delle Regioni a uno più attento ai fabbisogni regionali, da calcolare sulla base del numero degli idonei alla borsa di studio, del numero di posti alloggio destinati agli idonei fuori sede, dei contributi di mobilità internazionale erogati e del numero dei pasti erogati agli studenti. In questo momento ci sono Regioni come la Lombardia che con 14.798 idonei ha ottenuto 23,1 milioni o il Lazio che con 14.535 idonei ha ottenuto 29 milioni, a fronte di Regioni che, con pochi meno idonei, ottengono molto meno: è il caso per esempio di Campania e Sicilia che con rispettivamente 11.701 e 13.456 idonei hanno ottenuto un fondo integrativo statale più che dimezzato, di soli 7,7 e 13 milioni. (Fonte: A. Torti, Sole S 24 18-06-17)