Home
RIENTRO IN ITALIA DI DOCENTI E RICERCATORI. CHIARIMENTI SULLE AGEVOLAZIONI PDF Stampa E-mail

L’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti sulle agevolazioni per il rientro in Italia di docenti e ricercatori, temporaneamente introdotte nel 2010 e successivamente confermate dalla legge di Bilancio 2017. L’agevolazione spetta unicamente in relazione ai redditi derivanti da rapporti aventi ad oggetto attività di ricerca o di docenza svolte nel territorio italiano e non si estende ad altri eventuali redditi percepiti dal beneficiario. Il regime fiscale agevolato si applica complessivamente per quattro periodi d’imposta: con quali modalità? Con la circolare n. 17/E del 23 maggio 2017, rubricata “Regimi agevolativi per persone fisiche che trasferiscano la residenza fiscali in Italia”, l’Agenzia delle Entrate ha avuto cura di illustrare compiutamente le agevolazioni fiscali introdotte quale misura temporanea dall’art. 44 del D.L. n. 78/2010 (Incentivi per il rientro in Italia di ricercatori residenti all'estero) e recentemente confermate a regime dalla Legge di Bilancio 2017 per attrarre in Italia docenti e ricercatori esteri. La circolare integra i chiarimenti già forniti in passato con le Circolari n. 4/E del 15 febbraio 2011 e n. 22/E dell’8 giugno 2004. (Fonte: www.ipsoa.it 21-06-17)