Home
LE COMPETENZE DIGITALI. PROMUOVERE LA CULTURA DEL DIGITALE E DELL’INNOVAZIONE TRA GLI STUDENTI UNIVERSITARI PDF Stampa E-mail

Tutti credono che le competenze digitali siano oggi importanti nel mondo del lavoro, ma poi, nei fatti, pochi si attivano davvero. Non lo fanno gli studenti, che nella maggioranza dei casi (53%) si limitano a una conoscenza da semplici utilizzatori di Internet e social media. E nemmeno le aziende si sono ancora adeguatamente attrezzate: poco più del 30% dei Manager HR ha già realizzato un piano formativo ad hoc.
Sono alcuni dei risultati della ricerca “Il Futuro è oggi: sei pronto?”, giunta alla seconda edizione, realizzata da University2Business, la società del gruppo Digital360 che punta a promuovere la cultura del digitale e dell’innovazione tra gli studenti universitari. Lo studio ha coinvolto un campione di 2628 studenti statisticamente significativo di tutta la popolazione universitaria e un panel di 168 HR manager delle principali imprese del Paese, con l’obiettivo di approfondire e confrontare la percezione degli studenti e dei responsabili delle Risorse umane sui cambiamenti della trasformazione digitale nel mondo del lavoro, nell’economia e nella società. Ecco in dettaglio alcuni dei risultati emersi. Solo il 12% degli studenti gestisce un proprio blog o un sito web e appena il 9% sa cosa significa Seo/Sem, Social Network o Google Adwords. Appena una minoranza conosce le nuove professioni del digitale come il Social Media Specialist, il Data Scientist o il SEO Specialist. Quanto alle esperienze imprenditoriali, che spesso fanno il paio con le competenze digitali, l’11% ha avuto un’idea di business e un buon 12% ha già avviato o sta per avviare una startup. E nonostante il successo di AirBnb e Uber, la maggioranza degli universitari non conosce la “sharing economy”. ( Fonte 13-12-16)